Dove andare in primavera in Spagna? 3 motivi per scegliere Barcellona

primavera a barcellona

Appena conclusa l’emergenza covid-19 è già primavera, e si sa che in questa stagione si risveglia la voglia di viaggiare. Avete intenzione di organizzare un viaggio in Spagna e vi state chiedendo: dove andare? Possiamo darvi tre ottimi motivi per i quali Barcellona è proprio la destinazione che state cercando.

1. Arrivare è semplice

Anzi, semplicissimo. Potete arrivarci ovviamente in aereo partendo dai principali aeroporti italiani, oppure potete prendere direttamente uno dei traghetti per Barcellona che partono dai porti di Civitavecchia, Genova e Port Torres. I biglietti li potete prenotare su questo sito utilizzando il nostro sistema di prenotazione online: pochi clic e il gioco è fatto.

Il traghetto è il modo migliore per arrivare a Barcellona anche per un altro, importantissimo motivo: avere un proprio mezzo di trasporto è fondamentale per muoversi in città e nei meravigliosi posti vicini. Solo in questo modo avrete l’assoluta certezza di poter davvero ammirare Barcellona in tutta la sua bellezza.

2. Barcellona in primavera è… stupenda, semplicemente

Senza mezzi termini: Barcellona in primavera vi regalerà dei ricordi indimenticabili e dei posti stupendi. Soprattutto se considerate che, in questa stagione, le temperature sono più che piacevoli, a tratti praticamente estive, e potreste fare il primissimo tuffo in mare della stagione.

E poi, non dovete fare altro che scegliere il tipo di vacanza che vi piacerebbe vivere. Adorate antiche città ricche di storia, arte e cultura? Siete amanti della movida notturna? Vi piace assaporare i piatti tipici del Paese? Qualunque sia il vostro desiderio per la vacanza in primavera, sappiate a Barcellona potrete esaudirlo.

A tal proposito vi suggeriamo questi articoli:

3. I prezzi sono più bassi

Infine, perché dimenticare l’aspetto economico? Barcellona in primavera è molto meno cara rispetto all’alta stagione, sia dal punto di vista del viaggio sia da quello del pernottamento. E senza dover rinunciare assolutamente a nulla, nemmeno alle spiagge, specialmente se la vacanza la programmerete tra fine maggio e inizio giugno.