Idee per trascorrere un capodanno a Barcellona con i bambini

capodanno a barcellona

La catalana Barcellona è una delle mete preferite non solo per trascorrere le calde vacanze estive, ma anche per celebrare in grande stile il Capodanno, anche per le famiglie: nella città plasmata dal genio di Gaudì, non mancano gli eventi organizzati per accogliere al meglio il nuovo anno, adatti anche ai più piccoli. Non si dimentichi poi che, in attesa dei festeggiamenti, vi sono luoghi da visitare in città che anche i piccoli visitatori ameranno e troveranno assai interessanti.

Capodanno in piazza a Plaça d’Espanya

Plaça d’Espanya è il cuore dei festeggiamenti per coloro che scelgono di accogliere il nuovo anno in piazza. Il momento più atteso da grandi e piccini inizia alle 21.30, quando la Font Màgica de Montjuïc diventa il fulcro dello spettacolo di luci e colori organizzato da Groupe F, compagnia francese dall’esperienza ventennale: un consiglio è arrivare in tempo e posizionarsi sulle scalinate del Mnac per godere della visuale migliore. All’avvicinarsi della mezzanotte poi, precisamente dalle ore 23.48, risuonano dodici rintocchi delle campanadas, ad ognuno dei quali per buon augurio occorre mangiare un acino di uva rigorosamente bianca. Non manca poi lo spettacolo pirotecnico che terrà tutti con il naso all’insù per ben dodici minuti.

Festeggiare al Poble Espanyol

Trascorrere l’intera giornata del 31 gennaio al Poble Espanyol significa visitare tutta la Spagna restando a Barcellona. Il Poble Espanyol è infatti un villaggio spagnolo composto da circa 117 monumenti in scala delle comunità autonome della Spagna. In pochi metri le famiglie in vacanza a Barcellona potranno scorgere l’architettura tipica dei pueblos blancos andalusi con case bianche e finestre fiorite, torrioni aragonesi ed edifici neoclassici tipici delle asturie. Dopo aver esplorato la Spagna in miniatura, con l’avvicinarsi della mezzanotte le famiglie possono scegliere uno dei ristoranti che sorgono al Poble Espanyol per celebrare tutti insieme l’arrivo del nuovo anno.
Il villaggio sorge in cima al Montjuïc e il panorama sulla città sottostante in festa è davvero spettacolare, con ben visibili i monumenti simbolo di Barcellona e i fuochi d’artifico che animano Plaça d’Espanya .

Il nuovo anno davanti alla Torre Agbar

In Plaça de les Glòries Catalanes, a due passi dalla Sagrada Família, una delle opere più iconiche di Antoni Gaudí, sorge la Torre Agbar simbolo della Barcellona più contemporanea. I materiali scelti da Jean Nouvel, ovvero il vetro, il cemento e l’alluminio, riflettono la luce e cambiano colore a seconda del momento della giornata. Ebbene la facciata della Torre Agbar, nel cuore del quartiere Sant Martí, a Capodanno diventa una tela sulla quale vengono proiettati video spettacolari, incorniciati da circa 4500 luci a LED. I bambini rimarranno a bocca aperta davanti allo spettacolo che prenderà forma sulla facciata di questa torre colossale alta 144 metri che per l’occasione ricorderà la tavolozza dei colori del più stravagante dei pittori.

Bambini a spasso per la città

In attesa della festa di Capodanno, non c’è niente di meglio che scoprire le tante attrazioni di Barcellona, che allieteranno le ore non solo dei più grandicelli ma anche dei bambini. Basti pensare al Parc Güell, opera di Gaudì dichiarata Patrimonio dell’UNESCO: una colorata salamandra realizzata con vetri e maioliche da il benvenuto a quello che sembra un parco onirico, dove tutto è colore e fantasia. La sala delle 100 colonne, che in realtà sono 85, regge una terrazza decorata con motivi astrologici e mitologici.
Artisti di strada, ritrattisti, musicisti e mangiafuoco attireranno poi l’attenzione dei più piccoli sulla Rambla, iconico viale della città che raggiunge il Mirador de Colom, che domina Vort Vell. A due passi poi sorge il Museu Marítim de Barcelona, tappa imperdibile per i piccoli appassionati di pesci, pirati, modellini di imbarcazioni e antiche carte nautiche. Un visita al Museo Marittimo permetterà poi ai bambini di salire a bordo della Don Giovanni d’Austria, riproduzione della nave ammiraglia originale, per vivere esperienze indimenticabili come provetti marinaretti.