Si può fumare la sigaretta elettronica sul traghetto?

Si può fumare la sigaretta elettronica sul traghetto?

Nata nel 2012, si tratta di un’invenzione recente quella della sigaretta elettronica, lo scopo è cercare di ridimensionare l’uso di tabacco a favore di un palliativo agli incalliti per il fumo che non riescono proprio a smettere.
Ebbene che regolamento vige sui traghetti per le sigarette elettroniche?
Sono davvero poche le compagnie che attuano una politica restrittiva e vietano l’utilizzo della sigaretta elettronica in luoghi del traghetto adibiti al pranzo o alla colazione come bar o ristoranti.
A quanto pare, dunque, non vi sono particolari divieti, forse perchè le essenze profumate che spesso le sigarette elettroniche emettono recano un fastidio minore rispetto all’odore del tabacco, se si considera che tale vapore è ritenuto non nocivo per la salute dei passeggeri non fumatori.
La sigaretta elettronica è, infine, sicuramente considerata non rischiosa per l’incolumità del traghetto e dei passeggeri stessi, a differenza di una normale sigaretta non può essere abbandonata come un mozzicone acceso e dar fuoco al traghetto.

Divieto di fumo sui traghetti: dove è vietato

La politica sul fumo varia da compagnia a compagnia, certo è che si tende ad una restrizione evidente dato che i luoghi dove è ammesso fumare sono davvero pochi, basti pensare che oramai tutte le compagnie di traghetto vietano in modo assoluto di poter fumare nella propria cabina, in alcuni casi pure sulla stessa balconata. Regola generale che vale per ogni luogo pubblico è il divieto di fumare nei locali pubblici presenti sui traghetti come bar, ristoranti, discoteche o luoghi chiusi per cui il fumo potrebbe comportare l’accessione degli allarmi antincendio, creare disturbo ai passeggeri non fumatori o nei casi più gravi produrre incendi di piccole o medie dimensioni.
Altresì è vietato fumare nelle cabine, ma non sui balconi, pur avendo il diritto alcune compagnie di estendere tale divieto anche alle balconate, quindi se non espressamente previsto un veto al fumo in balconata, la scelta migliore per un passeggero non fumatore è una cabina posizionata a prua per evitare di subire il fumo passivo del vicino di stanza.

Fumare sul traghetto: dove è consentito

Quanto ai luoghi dove è consentito fumare su un traghetto, va ritenuto che è possibile accendersi una sigaretta nelle zone esterne del traghetto, può capitare che siano indicate delle zone precise ad esempio a sinistra i fumatori a desta i non fumatori, lo scopo è consentire anche ai passeggeri non fumatori di poter accedere sulla parte esterna del traghetto.
Altresì è ammessa sulla stragrande maggioranza dei traghetti la possibilità di poter fumare in balconata, quindi per i fumatori è consigliabile prenotare un biglietto con delle cabine con balcone.

Divieto di fumo: ragioni e motivazioni

Lo scopo di una politica restrittiva nei confronti dei passeggeri fumatori è evitare spiacevoli incidenti in viaggio come ad esempio incendi. Il fine è tutelare i passeggeri ed evitare danni più o meno permanenti al traghetto.
Ogni compagnia che offre il servizio di traghetto è munita di un regolamento, nel momento in cui si acquista un biglietto si accettano le condizioni contrattuali imposte.
Chiunque, pertanto, decida di non attenersi al divieto di fumo nelle zone indicate può subire la commissione di una sanzione pecuniaria e, addirittura, se possibile e previsto, essere sbarcato al porto più vicino.

Se vi state preparando ad un viaggio con un traghetto, non dimenticate di leggere i nostri consigli su come vestirsi per un lungo viaggio in nave.